Fondo Impresa Femminile

MISE. Fondo Impresa femminile. Finanziamento a tasso agevolato e contributo a fondo perduto per sostenere la nascita e lo sviluppo delle imprese femminili.

Il Fondo impresa femminile si pone l’obiettivo di promuovere e sostenere l’avvio e il rafforzamento dell’imprenditoria femminile, la diffusione dei valori dell’imprenditorialità e del lavoro tra la popolazione femminile e di massimizzare il contributo quantitativo e qualitativo delle donne allo sviluppo economico e sociale del Paese.

Per l’attuazione degli obiettivi di promozione e sostegno stabiliti dalla legge, gli interventi del Fondo impresa femminile sono articolati nelle seguenti linee di azione:

  1. incentivi per la nascita e lo sviluppo delle imprese femminili;
  2. incentivi per lo sviluppo e il consolidamento delle imprese femminili.

Rientrano nella nozione di “imprese femminili”

  • le società di persone e le società cooperative in cui il numero di soci sia rappresentante per almeno il 60% da donne;
  • le società di capitali in cui le quote di partecipazione siano detenute per almeno i due terzi da donne e il cui organo di amministrazione sia composto per almeno i due terzi da donne;
  • le imprese individuali la cui titolare è donna.

Soggetti beneficiari

Possono accedere agli incentivi per la nascita e lo sviluppo delle imprese femminili le imprese con sede legale e/o operativa ubicata su tutto il territorio nazionale, costituite da meno di 12 mesi alla data di presentazione della domanda di agevolazione. Possono presentare domanda anche le persone fisiche che intendono costituire una impresa femminile. Sono ammesse, inoltre, anche le lavoratrici autonome, in possesso di partita IVA aperta da meno di 12 mesi, salvo l’avvenuta iscrizione all’ordine professionale di riferimento.

Possono accedere, invece, agli incentivi per lo sviluppo e il consolidamento delle imprese femminili le imprese con sede legale e/o operativa ubicata su tutto il territorio nazionale, costituite da più di 12 mesi alla data di presentazione della domanda di agevolazione. Sono ammesse anche le lavoratrici autonome, in possesso di partita IVA aperta da più di 12 mesi, salvo l’avvenuta iscrizione all’ordine professionale di riferimento.

Tipologia di interventi ammissibili

Sono ammissibili ad agevolazione le iniziative che prevedono programmi di investimento relativi:

  • alla produzione di beni nei settori dell’industria, dell’artigianato e della trasformazione dei prodotti agricoli;
  • alla fornitura di servizi, in qualsiasi settore;
  • al commercio e turismo.

Le iniziative devono essere realizzate entro 24 mesi dalla data di ricezione del provvedimento di concessione delle agevolazioni e prevedere spese ammissibili non superiori a:

  • 250.000,00 euro (al netto dell’IVA) per le iniziative finalizzate alla nascita e allo sviluppo delle imprese femminili (0-12 mesi);
  • 400.000,00 euro (al netto dell’IVA) per le iniziative finalizzate allo sviluppo e al consolidamento delle imprese femminili (oltre 12 mesi).

Sono ammissibili ad agevolazione le spese relative a:

  • immobilizzazioni materiali, con particolare riferimento a impianti, macchinari e attrezzature nuovi di fabbrica, purché coerenti e funzionali all’attività d’impresa, a servizio esclusivo dell’iniziativa agevolata. Sono ammissibili anche le spese per la realizzazione di opere edili, purché nel limite massimo del 30% del programma di spesa agevolabile;
  • immobilizzazioni immateriali, necessarie all’attività oggetto dell’iniziativa agevolata (brevetti, software, piattaforme digitali, etc…);
  • servizi in cloud funzionali ai processi portanti della gestione aziendale;
  • personale dipendente, assunto a tempo indeterminato o determinato dopo la data di presentazione della domanda e impiegato funzionalmente nella realizzazione dell’iniziativa agevolata;
  • esigenze di capitale circolante nel limite del 20% (venti per cento) delle spese complessivamente ritenute ammissibili (per le imprese 0-36 mesi) e nel limite del 25% (venticinque per cento) delle spese complessivamente ritenute ammissibili (per le imprese oltre 36 mesi).

Alle sole imprese beneficiarie degli incentivi per la nascita e lo sviluppo delle imprese femminili (0-12 mesi) sono, altresì, erogati servizi di assistenza tecnico-gestionale, durante tutto il periodo di realizzazione degli investimenti o di compimento del programma di spesa fino a un valore massimo complessivo non superiore a 5.000,00.

Entità e forma dell’agevolazione

Le agevolazioni si differenziano a seconda che il progetto sia finalizzato alla nascita e allo sviluppo delle imprese femminili (0-12 mesi), ovvero allo sviluppo e al consolidamento delle imprese femminili (oltre 12 mesi). In particolare:

1. Incentivi per la nascita e sviluppo delle imprese femminili (0-12 mesi). Le agevolazioni sono concesse sotto forma di contributo a fondo perduto, secondo la seguente articolazione:

  • per i programmi che prevedono spese ammissibili non superiori a 100.000,00 euro, le agevolazioni sono concesse fino a copertura dell’80% delle spese ammissibili e comunque per un importo massimo del contributo pari a 50.000,00 euro. Per le donne in stato di disoccupazione che avviano un’impresa individuale o un’attività di lavoro autonomo, la percentuale di fondo perduto è elevata al 90% delle spese ammissibili, fermo restando il limite di contributo di 50.000,00 euro;
  • per i programmi che prevedono spese ammissibili superiori a 100.000,00 euro e fino a 250.000,00 euro, le agevolazioni sono concesse fino a copertura del 50% delle spese ammissibili.

2. Incentivi per lo sviluppo ed il consolidamento delle imprese femminili (oltre 12 mesi). Le agevolazioni sono concesse secondo la seguente articolazione:

  • per le imprese femminili costituite da almeno 12 mesi e da meno di 36 mesi, le agevolazioni sono concesse per il 50% dell’ammontare complessivo in forma di contributo a fondo perduto e per il restante 50% in forma di finanziamento agevolato a un tasso pari a zero, fino a copertura dell’80% delle spese ammissibili;
  • per le imprese femminili costituite da oltre 36 mesi, ferma restando la copertura del 80% delle spese ammissibili indicate al punto precedente, l’articolazione del contributo a fondo perduto e del finanziamento agevolato prevista dal medesimo punto si applica alle sole spese di investimento, mentre le esigenze di capitale circolante sono agevolate nella sola forma di contributo a fondo perduto.

I finanziamenti agevolati sono erogati alle seguenti condizioni:

  • Durata massima: 8 anni.
  • Pre-ammortamento: 12 mesi a decorrere dall’erogazione dell’ultima quota di agevolazione.
  • Tasso di interesse: zero.
  • Garanzie richieste: nessuna.

Scadenza

Sarà possibile procedere alla compilazione della domanda di agevolazione a partire dalle ore 10:00 del 5 maggio 2022 per gli interventi relativi all’avvio di nuove imprese (0-12 mesi) e a partire dalle ore 10:00 del 24 maggio 2022 per gli interventi di sviluppo e consolidamento delle imprese (oltre 12 mesi). Le domande saranno esaminate in ordine cronologico di invio, sino ad esaurimento delle risorse disponibili. Soggetto gestore della misura è Invitalia S.p.A.

Contattaci per ulteriori informazioni sulla misura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.