ITI – Investimento Territoriale Integrato

Regione Basilicata – Contributo a fondo perduto per il sostegno al rilancio, allo sviluppo e all’innovazione delle attività produttive e delle professioni.

La Regione Basilicata ha pubblicato 3 Avvisi Pubblici finalizzati a sostenere il tessuto imprenditoriale delle micro, piccole e medie imprese con sede operativa:

  • nel Comune di Potenza;
  • nel Comune di Matera;
  • nelle aree interne del Marmo Platano, Alto Bradano, Montagna Materana, Mercure-Alto Sinni-Val Sarmento.

Per ciascun Avviso verranno attivati due interventi:

  1. Sostegno alle nuove iniziative (imprese costituite da meno di 12 mesi)
  2. Sviluppo, innovazione e ripresa post pandemia (imprese costituite da più di 12 mesi).

Soggetti beneficiari

Possono partecipare all’Avviso Pubblico tutte le Micro, Piccole e Medie imprese, compreso i liberi professionisti, che risultino costituite ed iscritte al Registro delle Imprese alla data di presentazione della domanda telematica e che intendono realizzare investimenti in sedi operative ubicate o da ubicarsi nel territorio:

  • del Comune di Potenza.
  • del Comune di Matera.
  • del Marmo Platano e, in particolare, nei Comuni di: Bella; Balvano; Baragiano; Castelgrande; Muro Lucano; Pescopagano; Ruoti.
  • dell’Alto Bradano e, in particolare, nei Comuni di: Acerenza; Banzi; Cancellara; Forenza; Genzano di Lucania; Palazzo San Gervasio; San Chirico Nuovo; Tolve.
  • della Montagna Materana e, in particolare, nei Comuni di: Accettura; Aliano; Cirigliano; Craco; Gorgoglione; Stigliano; San Mauro Forte; Oliveto Lucano.
  • del Mercure-Alto Sinni-Val Sarmento e, in particolare, nei Comuni di: Calvera; Carbone; Castronuovo di SantʼAndrea; Chiaromonte; Fardella; Francavilla in Sinni; San Severino Lucano; Senise; Teana; Viggianello; Castelluccio Inferiore; Castelluccio Superiore; Rotonda; Cersosimo; Noepoli; San Costantino Albanese; San Paolo Albanese; Terranova di Pollino e San Giorgio Lucano.

Tipologia di interventi ammissibili

Sono ammissibili alle agevolazioni i programmi di investimento di importo pari o superiore a € 10.000, compresi nelle seguenti tipologie di intervento:

  • Investimenti finalizzati ad avviare una nuova sede;
  • Investimenti finalizzati ad accrescere il livello quali-quantitativo dei prodotti e/o dei processi;
  • Introduzione di adattamenti e modifiche del processo produttivo;
  • Interventi legati ai processi di riorganizzazione e ristrutturazione aziendale;
  • Interventi finalizzati a prevenire o presidiare lʼemergenza epidemiologica da COVID-19;
  • Investimenti a sostegno dei processi di digitalizzazione e dellʼutilizzo di tecnologie digitali;
  • Investimenti finalizzati alla razionalizzazione dei processi produttivi e al contenimento dei consumi energetici.

I programmi di investimento potranno prevedere le seguenti spese ammissibili:

  1. opere edili ed impiantistiche, nel limite massimo del 30% dellʼinvestimento ammissibile;
  2. macchinari, attrezzature, arredi e hardware;
  3. software;
  4. consulenze, nel limite massimo del 15% dellʼinvestimento ammissibile;
  5. veicoli commerciali per il trasporto di merci o passeggeri a basso impatto ambientale, purché funzionali e strumentali allʼattività oggetto di agevolazione (sono escluse da tale spesa le imprese che operano nel settore dei trasporti);
  6. spese generali nel limite del 3% dellʼinvestimento ammesso.

I programmi di investimento devono essere ultimati entro 12 mesi dalla data di notifica del provvedimento di concessione e comunque non oltre il 31/12/2023. I pagamenti devono essere effettuati entro i successivi 3 mesi dalla data di ultimazione, come sopra definita, e comunque non oltre il 31/12/2023.

Entità e forma dell’agevolazione

Il contributo massimo concedibile a fondo perduto è pari a:

  • fino al 65% delle spese ammissibili, per le imprese che optano per il regime “de minimis”, con un contributo massimo pari a € 150.000;
  • fino al 50% delle spese ammissibili, per le imprese che optano per il regime di esenzione GBER, con contributo massimo pari a € 250.000.

La dotazione finanziaria complessiva è pari a:

  • € 4.762.000,00 per l’Avviso ITI – Sviluppo Urbano della Città di Matera;
  • € 7.259.000,00 per l’Avviso ITI – Sviluppo Urbano della Città di Potenza;
  • € 4.762.000,00 per l’Avviso ITI – Aree Interne.

Scadenza

Le domande potranno essere inviate a partire dalle ore 8:00 del 16 maggio 2022 e sino alle ore 18:00 del 30 giugno 2022. Le agevolazioni saranno concesse alle imprese rientranti nella graduatoria stilata sulla base dei punteggi previsti dai relativi Avvisi Pubblici.

Contattaci per ulteriori informazioni sulla misura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.